martedì 7 luglio 2015

Piccoli cripto-fascisti crescono

Se ancora non vi era chiaro, oggi  il Grande Capo dei Pippi ma anche Mega Direttore Galattico-Gran Maestro-Guru-Profeta nonché Highlander ma soprattutto Profeta ve lo dice esplicitamente

"Nel mondo di dopo sarà necessario garantire libertà di opinione, ma rendere reato penale la menzogna."

Traduco per gli ingenui : se siete d'accordo con me allora tutto OK, se invece non siete d'accordo con me allora un Tribunale valuterà se mandarvi in galera o al confino.




 

39 commenti:

  1. Togli pure il cripto.
    Ecco cosa intendo quando dico che questo paese non ha vissuto elaborato e superato il positivismo.

    RispondiElimina
  2. Le deviazioni non suoerate del positivismo italaiano potrebbero consentire oggi di riproporre sotto le spoglie di Illo la parabola professionale e politica di Vilfredo Pareto, amico del cripto fascista Mussolini( quello socialista ) ed ammiratore del fascista Mussolini ( quello franco ).

    RispondiElimina
  3. È la tua deduzione ad essere discutibile. Illo si riferisce al mentire sui dati, non alle opinioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiorenzo,
      i dati non sono neutri, gli stessi dati possono essere letti in maniera diversa.

      Elimina
    2. Purtroppo devo dar ragione a Peter, ma solo fino ad un certo punto.

      Elimina
    3. Dal neopositivismo di Illo al relativismo di Yanez.

      Elimina
    4. come diceva Onida: "Il numero è muto"

      Elimina
    5. ... e non può chiedere aiuto o ribellarsi.

      Elimina
  4. Contemplo la sua sapienza nell'espressione "reato penale". Sceglie di essere capito da tutti, per questo si esprime come un coatto semi-analfabeta di passaggio. Commosso, quasi non leggo il resto.

    RispondiElimina
  5. Dalla pagina FB Er Ducetto de Pescara (che oggi ha avuto anche l'onore di avere la sua effigie come immagine di apertura del post!)

    Sempre ha detto er ducetto
    non son mai stato leghista
    ma al convegno del Salvini
    lui è il primo della lista

    http://i57.tinypic.com/1z53vq8.jpg

    RispondiElimina
  6. @Gaspare: oggi su Twitter è uscita la prima rima dedicata al tuo caso.
    Per "questioni tecniche" sarà pubblicata qui fra tre giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie. Non avendo twitter aspetterò di leggerla qui...

      Elimina
    2. Affinché non debba attendere, l'ho caricato su Tinypic.
      Puoi vederlo qui
      http://i62.tinypic.com/24dm2w4.jpg

      Sullo stesso tema ne seguiranno altri a partire da domani.

      Elimina
  7. È strano come, finora, non abbia invocato il reato di lesa maestà che si perpetra, ad esempio, su questo blog; chissà quale fine ci riserverà Illo e la Sssstoria.

    RispondiElimina
  8. parafrasando un celebre slogan si potrebbe dire che la tecnocrazia è la malattia senile del positivismo. Secondo me, Bagnai è innanzitutto un tecnocrate. Visto in quest'ottica il suo ambiguo comportamento può forse trovare di una lettura unitaria. Il tecnocrate sa che il popolo diffiderà sempre del suo presunto sapere e ha bisogno di un principe disposto ad ascoltare i suoi consigli. Quello che Bagnai vuole è essenzialmente diventare il consigliere del prossimo principe. Inutile sottolineare la portata antidemocratica di questo disegno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso sia l' interpretazione più verosimile, bravo Gaspare.

      Elimina
    2. Gaspare, la tua analisi è fine ma, perdona: Bagnai è un Brunetta evoluto, ma senza la sua statura politica. Un professore in cerca di portafoglio, anche senza ministero, come se ne vedono da che esistono le università.

      Elimina
  9. Dalla pagina FB Er Ducetto de Pescara:

    Non c'è più democrazia!
    er ducetto è preoccupato
    E per questo ogni dissenso
    nel suo spazio ha censurato

    RispondiElimina
  10. Comunicazione di servizio

    Sospetto che questo fake sia Bagnai in persona

    Voi che dite ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diamine, voi pippi vi state a moltiplicare come i conigli.
      Scherzi a parte, capisco che la domanda possa sembrare stupida, ma ho sempre avuto questa curiosità: il nick Peter Yanez ha un significato particolare o l'hai scelto a caso?

      Elimina
    2. il nick Peter Yanez nasce per punzecchiare Peter Gomez e la truppa del FQ (nel 2013 commentavo soprattutto sul FQ)

      Elimina
    3. In effetti si potrebbe pensare che sia lui. Affinità ce ne sono e anche la scelta del nick sembra ben poco casuale.

      Elimina
    4. Tenore dei commenti e motto danno ancora più pensare. Certo che con argomentazioni così puerili, se fosse lui starebbe peggiorando ancor più la propria immagine pubblica, per quanto a prima vista possa sembrare un compito improbo.
      Quell'accusa di razzismo col pretesto delle unioni monetarie di paesi marginali dal punto di vista del peso nel sistema economico globale, poi, è la migliore certificazione di una piccineria irredimbile.
      Al riguardo una certificazione notarile non sarebbe stata più credibile.

      Elimina
    5. Lo stile è inconfondibile e solo lui resta così sconvolto dall'esistenza di qualcuno che lo contraddica indisturbato. Anziché replicare nel merito, vorrebbe spostare la discussione sul curriculum del contestatore.
      Chi altri?

      Elimina
  11. Secondo me dalle pagine di facciamocome ha preso vita un golem che ora scrive in proprio: #facciamocome Mauritius 1967! E chi non è d'accordo, reato penale!

    RispondiElimina
  12. Se posso approfittare, e spero di non disturbare il nostro gentile ospite, mi farebbe piacere invitare i frequentatori del blog ospiti a casa mia in Casale Monferrato terra di vini e tartufi nel fine settimana 1 e 2 agosto, chi fosse interessato può contattami su FB o come crede...
    Ovviamente l' invito vale anche per Peter e spero anche Illo se ci legge, però gratis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ippolito, molto gentile da parte tua.
      Non so se potrò essere in zona per quella data, ma mi sarebbe piaciuto molto visitare il Monferrato e assaggiare i suoi vini.

      Elimina
    2. Se cambi idea anche all' ultimo minuto una bottiglia di barbera ed un tartufo lo tengo anche per te, però contattatemi su FB, non vorrei che Peter si incazzasse.Per il momento due di voi sembrano più che interessati.

      Elimina
  13. e se costruissimo un forum collegato a questo blog in modo da commentare puntualmente ogni intervento del prof. ? Voglio dire un forum in cui ogni thread aperto prendesse spunto da un copiaincolla degli interventi del prof. ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah, mi sembra esagerato, però...

      Elimina
    2. Si potrebbe fare qualcosa come "Nientestronzate", anche se in questo caso il soggetto (in)discusso era tutt'altro:
      https://nientestronzate.wordpress.com/

      Elimina
  14. Dalla pagina FB Er Ducetto de Pescara:

    Le parole er ducetto
    piega ad armi contundenti
    così andando a dimostrare
    lo spessor dei suoi argomenti

    Alberto Bagnai 28 giugno 2015 15:47
    @kelcri Senti, cazzaro anonimo, se non vedi la discontinuità è un problema tuo. Scusa, qui abbiamo da fare.

    RispondiElimina

  15. è noto che tutto il discorso bagnaino sia avvolto in contraddizioni insanabili. L' elenco è sicuramente lunghissimo, nondimeno forse val la pena di provare a farlo.


    1° contraddizione bagnaia:

    - il problema è la carenza di domanda tedesca.

    - il problema è l' euro in sé

    delle due l' una. Invece il prof sostiene ambedue contemporaneamente. Come fa ? Boh...

    2° contraddizione bagnaia:

    - dall'euro anche si può e si deve uscire da soli e nello spazio di un week-end
    - si deve procedere ad un'uscita concordata, anzi preferibilmente a farlo per prima dovrebbe essere la Germania (vedi Manifesto di solidarietà europea )

    come si conciliano le due cose ? boh....

    segue....

    Chiunque, naturalmente, se crede, può mettere in dubbio che di contraddizioni si tratti oppure aggiungerne delle altre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima non è una contraddizione perchè per lui, ed anche per me, l' euro non è altro che il Marco, e l' Europa il frutto di una annessione monetaria.

      Elimina
    2. ok, ma una cosa è dire che all'origine dell' euro c'è un'annessione monetaria ( fortemente voluta tra l' altro dagli stessi paesi annessi ) altra cosa è dire che l' euro è di per sé economicamente insostenibile. Sono due cose molto diverse.

      Elimina
    3. Se ci fossero politiche di trasferimenti in deficit verso i paesi deboli ed espansive nei paesi più forti sarebbe sostenibile, ma questo Illo non te lo dirà mai.

      Elimina
    4. forse non occorrerebbero trasferimenti in deficit ( politicamente improponibili ) ma politiche espansive del centro unite a politiche monetariamente espansive.della bce. Vorrei precisare che io sono nondimeno per l' uscita dall'euro ( oppure per la sua trasformazione in moneta comune ) ma penso che una tale scelta debba essere dettata non tanto da motivazioni economiche, quanto morali e politiche.

      Elimina